4. Dante di Daubè

Codice etico

Premessa

Fondata nel 2015 da un’idea di Isabella Valente, la rivista «Studi di Scultura. Età moderna e contemporanea» si propone di favorire e sviluppare la ricerca scientifica nazionale e internazionale nel settore della scultura dall’età moderna a quella contemporanea (secoli XV-XXI). In particolare, accetta contributi in italiano, inglese, francese e spagnolo che riguardino la materia della scultura, in relazione ad artisti, esposizioni, mercato e collezionismo, ai rapporti con la fotografia, le arti decorative e industriali, alla tutela, conservazione, valorizzazione e al restauro, ai problemi attributivi e interpretativi, alle questioni di metodo e di teoria, oltre che di critica, anche rispetto alle nuove tendenze dell’arte contemporanea.

Tutti i componenti della rivista – Direzione, Comitato Scientifico, Comitato e Segreteria di Redazione, autori e referees ‒ condividono il Codice Etico dell’Anvur e le linee guida indicate dal Committee on Publication Ethics (COPE) per un approccio etico nel processo di pubblicazione di opere scientifiche. Tutti gli attori collaborano a titolo gratuito.

Art. 1

Principi di carattere generale

Nel rispetto del Codice Etico dell’Anvur sono considerati imprescindibili i principi di imparzialità di giudizio e riservatezza delle informazioni e di uguaglianza di opportunità nel rispetto delle diversità di genere e della professionalità.

È fatto obbligo di seguire i criteri di trasparenza e integrità nel lavoro di produzione e revisione dei contributi scientifici.

Art. 2

Compiti e doveri degli organi editoriali

Gli organi editoriali della rivista sono rappresentati da: Direttore, Comitato Scientifico, Comitato di Redazione e Segreteria di Redazione.

Essi sono responsabili della decisione di accettare e pubblicare gli articoli proposti sulla base di una revisione a doppio cieco (double blind peer review) da parte di esperti revisori esterni anonimi (referees), nel rispetto delle disposizioni di legge vigenti in materia di diffamazione, violazione del copyright, plagio e privacy. Sono, inoltre, tenuti a valutare i materiali esclusivamente per merito, valore scientifico e originalità dei contenuti, senza discriminazioni di alcun tipo (sesso, età, origine etnica, religione, cittadinanza, orientamento sessuale e orientamento politico degli autori).

Il materiale sottoposto alla rivista dovrà essere inedito e non potrà essere usato e/o diffuso senza l’espresso consenso scritto dell’autore per ricerche degli organi editoriali, i quali si impegnano a non divulgare informazioni riservate sui manoscritti a soggetti diversi da autori, referees ed editore.

Art. 3

Compiti e doveri dei revisori

I revisori esterni sono esperti, anche internazionali, individuati dagli organi editoriali in base alla loro alta competenza e qualifica professionale nel settore scientifico di riferimento.

Aiutano il Comitato di Redazione nella valutazione degli articoli attraverso il sistema della peer review a doppio cieco ai fini della pubblicazione di materiale di qualità.

I referenti trattano il materiale ricevuto come un documento riservato che non può circolare liberamente né essere utilizzato da terzi senza previa autorizzazione dell’autore ed eseguono la revisione nel rispetto dei tempi richiesti. Le informazioni ottenute durante il procedimento di peer review devono essere ritenute fiduciarie e confidenziali e non possono essere usate a proprio vantaggio.

La revisione deve essere condotta in modo imparziale e oggettivo. Ogni forma di offesa o critica personale all’autore non è ammessa.

I referenti hanno il compito di individuare e indicare ulteriori informazioni ed eventuale materiale bibliografico rilevante ma trascurato dall’autore, allo scopo di approfondire, arricchire e migliorare l’articolo in lettura. Devono, inoltre, segnalare eventuali somiglianze o sovrapposizioni del testo ricevuto con qualunque altro documento loro noto.

Osservazioni, proposte, argomentazioni e suggerimenti devono essere validi, formulati sulla base della competenza tecnico-scientifica ed espressi in modo chiaro e obiettivo, fornendo indicazioni complete. Anche le valutazioni devono essere motivate da criteri scientifici, prive di componenti di natura personale o di conflitti di interessi.

Gli esperti si impegnano a valutare i manoscritti nei tempi stabiliti dalla Redazione; qualora ciò non fosse possibile, dovranno rinunciare all’incarico comunicandolo tempestivamente al Direttore e alla Redazione stessa.

Art. 4

Compiti e doveri degli autori

Gli autori presentano articoli di carattere scientifico, basati su ricerche da loro svolte. Si impegnano a riconoscere eventuali apporti forniti da altre persone nelle fasi della ricerca e a ringraziare studiosi e/o enti.

Sono coautori coloro che abbiano dato un contributo significativo alla realizzazione dell’articolo.

Sono ammessi articoli a più mani, con evidenza della quota-parte di ciascun autore a discrezione degli stessi.

Gli autori garantiscono dell’originalità del contributo proposto. Garantiscono inoltre che quest’ultimo non sia mai stato pubblicato né presentato contemporaneamente o precedentemente ad altri volumi, periodici e riviste, o qualsiasi altra forma di pubblicazione a stampa e online. Qualora gli autori si fossero avvalsi di parole altrui, le stesse dovranno essere riportate nella forma di citazione tra virgolette o in quella di parafrasi con l’indicazione in nota del testo di derivazione. Le fonti documentarie e il materiale bibliografico utilizzato devono essere sempre riportati secondo i criteri previsti dalla rivista.

Gli articoli devono altresì seguire tutte le norme editoriali opportunamente rese note, e dovranno essere inviati rispettando la data di scadenza prevista per la consegna.

I contributi saranno sottoposti al processo di referaggio a doppio cieco e alla conseguente valutazione anonima dei revisori che può comportare integrazioni e suggerimenti ritenuti indispensabili o opportuni. Gli autori possono esprimere in merito le loro osservazioni o obiezioni, sulle quali deciderà infine la Redazione e la Direzione.

La Redazione si riserva, inoltre, di procedere alle modifiche editoriali necessarie ad assicurare l’omogeneità nella pubblicazione dei testi.

Eventuali errori significativi che dovessero emergere in contributi già pubblicati devono essere notificati dagli autori agli organi editoriali.

Gli autori dovranno consegnare il materiale fotografico utile al loro contributo, libero da diritti di riproduzione e accompagnati da autorizzazioni alla pubblicazione.

Tutte le comunicazioni da e agli autori dovranno essere trasmesse mediante l’indirizzo e-mail ufficiale della rivista:

redazione.sds@gmail.com

 

Foreword

Founded in 2015 from an idea of Isabella Valente, the journal “Studi di Scultura. Modern and contemporary age” aims to encourage and develop national and international scientific research in the field of sculpture from the modern to the contemporary age (15th-20th centuries). In particular, it accepts contributions in Italian, English, French and Spanish concerning the subject of sculpture, in relation to artists, exhibitions, relations with the market and collecting, relations with the decorative and industrial arts, protection, conservation, valorisation and restoration, problems of attribution and interpretation, questions of method and theory, as well as criticism, also in relation to new trends in contemporary art.

All the components of the journal (Direction, Scientific Committee, Editorial Committee and Secretariat, authors and referees) share the Anvur Code of Ethics and the guidelines indicated by the Committee on Publication Ethics (COPE) for an ethical approach in the process of publishing scientific works. All actors collaborate free of charge.

Art. 1

General principles

The principles of impartiality of judgement and confidentiality of information and equal opportunities with respect to gender diversity and professionalism are considered essential in compliance with the Anvur Code of Ethics.

The principles of transparency and integrity must be followed in the production and revision of scientific contributions.

Article 2

Tasks and duties of the editorial bodies

The editorial bodies of the journal are represented by: Director, Scientific Committee, Editorial Committee and Editorial Secretary.

They are responsible for deciding whether to accept and publish proposed articles on the basis of a double blind peer review by anonymous external referees, in accordance with the legal provisions in force concerning defamation, copyright infringement, plagiarism and privacy. They are also required to evaluate materials exclusively on the basis of merit, scientific value and originality of content, without discrimination of any kind (gender, age, ethnic origin, religion, citizenship, sexual orientation and political orientation of the authors).

The material submitted to the journal must be unpublished and may not be used and/or disseminated without the express written consent of the author for research by the editorial bodies, which undertake not to disclose confidential information on manuscripts to parties other than the authors, referees and publisher.

Art. 3

Reviewers’ tasks and duties

External reviewers are experts, including international ones, identified by the editorial bodies on the basis of their high competence and professional qualification in the scientific field of reference.

They help the Editorial Committee in the evaluation of articles through the double-blind peer review system in order to publish quality material.

The referees treat the material received as a confidential document that cannot be freely circulated or used by third parties without prior authorisation from the author and they carry out the review within the required timeframe. Information obtained during the peer review process must be treated as trustworthy and confidential and may not be used for their own benefit.

The review must be conducted in an impartial and objective manner. Any form of personal insult or criticism of the author is not permitted.

The referees are responsible for identifying and pointing out further information and any relevant bibliographic material overlooked by the author, in order to deepen, enrich and improve the article being read. They should also point out any similarities or overlaps between the text received and any other document known to them.

Comments, proposals, arguments and suggestions must be valid, formulated on the basis of technical-scientific competence and expressed clearly and objectively, providing complete indications. Evaluations must also be justified by scientific standards and free of personal elements or conflicts of interest.

The experts undertake to evaluate the manuscripts within the timeframe established by the Editorial Office; if this is not possible, they must renounce the assignment, notifying the Director and the Editorial Office immediately.

Article 4

Authors’ tasks and duties

The authors submit articles of a scientific nature, based on research they have carried out. They undertake to acknowledge any contributions made by other people in the research phases and to thank scholars and/or organisations.

Co-authors are those who have made a significant contribution to the production of the article.

Multi-authored articles are allowed, with evidence of each author’s share at their discretion.

Authors guarantee the originality of the proposed contribution. They also guarantee that the article has never been published or submitted simultaneously or previously to other books, periodicals and journals, or any other form of printed or online publication. If the authors have used the words of others, they must be quoted in inverted commas or paraphrased with an indication of the derivative text in the footnote. Documentary sources and bibliographic material used must always be reported according to the journal’s guidelines.

Articles must also follow all the editorial rules duly announced, and must be submitted by the deadline.

Contributions will be subjected to the double-blind refereeing process and to the subsequent anonymous evaluation by the reviewers, which may include additions and suggestions deemed indispensable or appropriate. The authors may express their comments or objections, on which the Editorial Office and Management will ultimately decide.

The Editorial Office also reserves the right to make the necessary editorial changes to ensure homogeneity in the publication of the texts.

Any significant errors that may emerge in contributions already published must be notified by the authors to the editorial bodies.

Authors must submit photographic material relevant to their contribution, free of reproduction rights and accompanied by authorisations for publication.

All communications from and to authors should be sent via the journal’s official e-mail address:

redazione.sds@gmail.com